La Sardegna è un’Isola bellissima e straordinaria che unisce alla bellezza dei suoi paesaggi un patrimonio storico ed artistico non indifferente. Oltre al mare cristallino e alla natura selvaggia ed incontaminata dell’entroterra, la Sardegna racchiude al suo interno i segni delle antiche civiltà che l’hanno popolata nel corso dei secoli, custodendo ancora oggi le sue antichissime tradizioni millenarie. Vediamo insieme 10 mete tutte da scoprire in Sardegna.

Partiamo da Barumini, in provincia di Medio Campidano, nella regione storica della Marmilla, dove si trova il più grande complesso nuragico della Sardegna. La sua maestosità lo ha portato ad essere inserito dall’UNESCO nella lista dei patrimoni mondiali dell’umanità. Il villaggio di Barumini racconta la storia dell’antica civiltà sarda che ha abitato questo territorio nell’età del Bronzo. Al centro del villaggio troviamo “Su Nuraxi”, una torre alta circa 18 metri costruita in pietra.

A livello storico merita una visita l’antica città punica/fenicia di Nora che si trova su un promontorio nel comune di Pula, lungo la costa meridionale della Sardegna. Si tratta di un’area archeologica affascinante, dominata dal grande anfiteatro rivestito in marmo bianco. Il consiglio è di visitare questa zona durante la celebre Sagra di S.Efisio il momento cruciale è l’arrivo del Santo presso la spiaggia di Nora, dove si trova la Chiesa di Sant’Efisio.

Un altro sito archeologico molto interessante è quello di Tharros, risalente all’età fenicia. Si trova nel comune di Cabras, in provincia di Oristano. La città, che venne fondata dai Fenici nell’VIII secolo a.C., oggi è un vero e proprio un museo a cielo aperto dove ancora oggi si possono ammirare il tophet, le terme ed i resti dell’antico tempio.

Da un punto di vista naturalistico uno dei simboli dell’Isola è il Parco Nazionale della Maddalena. Si tratta di un’area marina protetta della quale fa parte un arcipelago di numerose isole, di cui sette principali che vengono chiamate le “sette sorelle”. I fondali della Maddalena sono ricchi di vita e sono uno degli ambienti preferiti dagli amanti delle immersioni.

Una delle spiagge più belle della Sardegna è quella della La Pelosa, a Stintino, dove sorge l’omonima torre seicentesca di origine aragonese che domina il litorale. La Pelosa è una spiaggia di sabbia bianca e finissima che si contraddistingue per la trasparenza delle sue acque che colorano il mare di “sfumature cromatiche che vanno dal turchese all’azzurro”.

Sempre in tema di spiagge da non perdere la bellissima baia di Chia, lungo la costa meridionale della Sardegna, sulla quale si affacciano delle bellissime spiagge. Una di queste è Su Giudeu, una spiaggia alle spalle della quale sorgono delle stupende dune sabbiose dorate, che deve il suo nome al polpo che nuota nelle limpide acque che bagnano la coppia di isolotti che fronteggiano il litorale.

La spettacolare costa di Baunei, in Ogliastra, offre degli scenari unici in cui le bellissime spiagge sono protette alle spalle da enormi rocce che calano a picco sul mare. Le spiagge più famose e conosciute sono quelle di Cala Luna, Cala Mariolu e Cala Goloritzé che devono la loro notorietà alla bellissima scenografia naturale in cui le falesie calcaree che calano a picco sul mare color smeraldo danno vita a delle grotte marine.

Un vero e proprio spettacolo della natura è Pan di Zucchero, un faraglione alto 133 metri che sorge nelle acque antistanti alla costa occidentale della Sardegna. Lungo la parete del faraglione si sono formati grazie all’azione erosiva del mare due archi naturali attraversati dalle acque marine. Lungo la costa di fronte a Pan di Zucchero si ergono delle falesie che raggiungono un’altezza di oltre 150 metri.

Non può mancare una visita alla città di Cagliari, il capoluogo della Sardegna, che si affaccia sul bellissimo Golfo degli Angeli. Cagliari possiede un vasto patrimonio storico e artistico che testimonia l’importanza di questa città nel corso dei secoli. Il cuore di Cagliari è il quartiere fortificato del Castello, “Casteddu” per i cagliaritani, che si trova su una rocca che domina la città. Altri punti di interesse sono il Bastione di Saint Remy, le Torri dell’Elefante e di S. Pancrazio ed il bellissimo lungomare del Poetto.

Un’altra città di notevole interesse è Alghero, la capitale della famosa Riviera del Corallo. Uno dei tratti distintivi di questa città sono le tradizioni e la lingua catalana. Alghero è stata dominata per secoli dagli spagnoli che hanno lasciato in città un grande patrimonio culturale ed artistico fatto di torri e palazzi di origine medievale. Fa parte del litorale di Alghero l’area marina protetta di Capo Caccia – Isola Piana che custodisce al suo interno la Grotta di Nettuno, una grotta marina che conserva stalattiti e stalagmiti. Nelle acque dell’area marina si trovano molte colonie del famoso corallo rosso di Alghero.


Share